ONLINE – Messa esequiale mart.29 dicembre alle ore 11.00

Ai Sacerdoti, Consacrati e Fedeli Laici del Vicariato Apostolico d’Istanbul.

La sera di martedì 22 dicembre alle ore 23.15 circa è venuto a mancare all’età di 68 anni, chiamato dal Padre celeste, il nostro fratello Vescovo Monsignor Rubén TIERRABLANCA GONZALEZ OFM, Vescovo Titolare di Tubernuca e Vicario Apostolico di Istanbul. Era ricoverato nell’ospedale dell’Università Koç dal 2 dicembre. 

In questa mesta circostanza presentiamo le nostre condoglianze alla sorella, signora Celia, alla Famiglia Religiosa dei Frati Minori, a tutti i suoi stretti collaboratori e ai fedeli del Vicariato che ne piangono la perdita. 

Che il Signore ricompensi il nostro fratello Mons. Rubén per il dono della sua vita consacrata al servizio della Chiesa, e il Signore Gesù lo accolga come servitore buono e fedele nella gioia del suo regno. 

Sarà celebrata la messa esequiale martedì 29 dicembre alle ore 11.00 nella cattedrale absente cadavere, e dopo la messa seguirà la tumulazione nel cimitero di Feriköy alle ore 13.00. I posti sono limitati, e l’ingresso alla cattedrale sarà permesso a coloro che avranno un biglietto dalla loro parrocchia. Sarà trasmessa la cerimonia su SAT-TÜRK. Si raccomanda che la partecipazione avvenga soprattutto assistendo alla trasmissione in diretta su SAT-7 TÜRK.  

Per coloro che lo desiderano, è possibile visitare la cattedrale per una preghiera di suffragio. 

A causa delle limitazioni imposte dalla pandemia, si può lasciare un messaggio di condoglianze su questo sito: https://www.facebook.com/ruben.tierrablanca.39/

 

34ª Domenica del Tempo Ordinario, Nostro Signore Gesù Cristo Rica ederim dell’Universo – C


Tiziano (1490–1576), Christ and the Good Thief
Tiziano (1490–1576), Christ and the Good Thief

34th Sunday of Ordinary Time, Solemnity of our Lord Jesus Christ King of the Universe – C

34ème Dimanche du Temps Ordinaire, Notre Seigneur Jésus Christ Roi de l’Univers – C

Olağan devre – 34. Pazar Günü, Mesih İsa Evrenin Kralı Bayramı – C


Meditasyon


CONVEGNO SINODALE DELLA CHIESA DI TURCHIA HA VISTO RUNIRSI NEI GIORNI 7-9 OTTOBRE 2022 IN IZMIR

Nei giorni 7-9 ottobre 2022 si è svolto presso l’Arcidiocesi di Izmir il Convegno sinodale della Chiesa di Turchia che ha visto riunirsi, i rappresentanti di tutto il popolo di Dio che vive in questa terra sotto la Guida dello Spirito nella certezza che Egli, come duemila anni orsono, ha ancora molto da dire alle nostre Chiese.

Questo significativo incontro ecclesiale si è svolto in un contesto di ascolto, confronto e preghiera ed  è stato pensato in continuità con il percorso sinodale voluto da Papa Francesco che nei mesi scorsi si è svolto a livello diocesano e nazionale.
 Nel corso della sua omelia il Patriarca ha ricordato gli aspetti fondamentali del dogma della maternità divina e ha sottolineato che “la sinodalità che esiste nella Chiesa può davvero essere paragonata all’armonia e alla concordia che regna tra le Persone della Trinità”.
Il primo giorno di lavori ha coinciso con la tradizionale memoria del Concilio di Efeso che nel 431 definì dogmaticamente la divina maternità di Maria. Alla celebrazione dell’Eucarestia, presieduta dal Nunzio Apostolico in Turchia. mons. Marek Solczyński, che si è svolta come ogni anno nelle rovine dell’antica basilica sorta sul luogo ove si svolse l’assise conciliare hanno preso parte anche alcuni gruppi di pellegrini che si sono uniti ai partecipanti al Convegno e ai fedeli giunti dalle comunità cristiane di Izmir.
Durante i lavori del Convegno  hanno preso la parola i vescovi presenti, i responsabili delle divesre istituzioni e commissioni che operano in seno alla Chiesa di Turchia e i rappresentanti dei movimenti ecclesiali presenti in questa nazione. L’insieme di queste relazioni ha permesso di avere come uno sguardo panoramico sulla situazione dit utta la Chiesa di Turchia e delle sue varie componenti.
È stata sottolineata in modo particolare l’importanza di diventare una comunità cristiana sempre più capace di interloquire con la cultura locale, senza pregiudizi e chiusure, più disponibile ad accogliere tutti color che si avvinano ad essa, capace di un annuncio del Vangelo efficace perchè vivo ed adeguato alle situazioni concrete del tempo presente.

il Convegno sinodale della Chiesa di Turchia avrà luogo in Efeso e in İzmir nei giorni 8 e 9 ottobre 2022.

Il Presidente della CET S. E. Mons. Martin Kmetec OFMConv. dice: “A nome di tutti i Vescovi chiamati a guidare le comunità cristiane del nostro paese
desidero invitare ognuno di voi, secondo le proprie possibilità, a partecipare a questo
evento ecclesiale di grande rilevanza.”

Ambasciatore Vaticano ad Ankara, S.E. Mons. Solczynski ha presentato la sua lettera credente al presidente Erdoğan

Il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha ricevuto l’ambasciatore vaticano ad Ankara mons. Marek Solczynski al Complesso Presidenziale.

L’ambasciatore Solczynski ha presentato la sua lettera di credito al presidente Erdoğan al ricevimento. L’ambasciatore Solczynski ha presentato alcuni membri dell’ambasciata al presidente Erdoğan.

Nomina del Nunzio Apostolico in Liberia

Mons. Walter Erbì

Il Santo Padre ha nominato Nunzio Apostolico in Liberia il Reverendo Mons. Walter Erbì, Consigliere di Nunziatura, elevandolo in pari tempo alla Sede titolare di Nepi, con dignità di Arcivescovo.
Curriculum vitae
S.E. Mons. Walter Erbì è nato a Torino (Italia) l’8 gennaio 1968. È stato ordinato sacerdote il 10 maggio 1992, incardinandosi nella Diocesi di Iglesias.
Si è laureato in Diritto Canonico.
È entrato nel Servizio diplomatico della Santa Sede il 1° luglio 2001 e ha prestato la propria opera nella Nunziatura Apostolica nelle Filippine, nella Sezione per gli Affari Generali della Segreteria di Stato e nelle Rappresentanze Pontificie in Italia, negli Stati Uniti d’America e in Turchia.
Conosce lo Spagnolo, l’Inglese e il Francese.

L’intervista di mons. Martin Kmetec, Arcivescovo di Smirne pubblicato su www.fr.aletia.org.

Volker Niggewöhner 

Turchia: “Una Chiesa a porte aperte” in una società islamica

Anche se il cristianesimo ha una tradizione di quasi 2000 anni in Turchia, oggi, dopo varie ondate di persecuzioni, nel Paese non sono rimasti quasi più cristiani. Tuttavia “è qui che è nata la prima Chiesa tra le nazioni”, ricorda Mons. Martin Kmetec, arcivescovo di Izmir, nell’ovest del Paese.

Il cristianesimo in Turchia ha una lunga tradizione. Precedentemente della prima guerra mondiale, il territorio dell’allora ex impero ottomano aveva ancora circa il 30% di cristiani. Oggi si stima che circa lo 0,2% della popolazione turca sia cristiana. Nell’arcidiocesi di Izmir, terza città del Paese sul Mar Egeo, restano solo 5 mila cristiani. “Se aggiungiamo migranti e rifugiati, sono un po’ più numerosi. Vivono principalmente nei centri cittadini di Smirne e in altre grandi città”, precisa l’arcivescovo di Smirne, Martin Kmetec. Originario della Slovenia, l’arcivescovo appartiene all’ordine dei Frati Minori conventuali. Dopo aver lavorato in Libano per quasi undici anni, è venuto a vivere in Turchia nel 2001. Nel 2020 Sua Santità Papa Francesco lo ha nominato Arcivescovo di Smirne. “Abbiamo comunità a Konya, Antalya e in altre città sulla costa. La nostra Arcidiocesi è molto vasta, il suo territorio si estende per circa 100.000 kmq. Konya è la parrocchia più lontana, dista 550 chilometri da Izmir; ea sud c’è Antalya, che si trova a circa 450 chilometri di distanza. Queste sono le distanze qui. “

Potete proclamare liberamente la fede?

Monsignor Martin Kmetec: Come francescano, la testimonianza di vita, la vita fraterna è una priorità per me. San Francesco ha detto che la Parola dovrebbe essere predicata ogni volta che se ne presenta l’opportunità. Stiamo cercando di farlo, ad esempio sui social e sul nuovo sito dell’Arcidiocesano. Cerchiamo di essere coinvolti attivamente e di essere una chiesa viva. La nostra missione è quella di una Chiesa con le porte aperte. Per questo tutte le nostre chiese sono aperte al pubblico in determinati orari. A volte c’è il culto e c’è sempre qualcuno a disposizione per salutare i visitatori e fornire informazioni in caso di domande. Questo è il nostro modo di evangelizzare in questa situazione.

Qui è nata la prima Chiesa tra le nazioni. I primi concili ecumenici, che hanno segnato la fede cattolica, si sono svolti nel territorio dell’attuale Turchia.

Un tempo paese laico, la Turchia sta attualmente vivendo una rinascita islamica. I cristiani sono discriminati?

Non direi che i cristiani sono generalmente discriminati. Tuttavia, possono verificarsi esperienze negative nei rapporti con autorità o servizi amministrativi. La Chiesa cattolica non è riconosciuta come persona giuridica in Turchia. Tuttavia, se si parla di dialogo, direi che c’è un dialogo della vita. Ad esempio, all’organizzazione Caritas é parte della nostra Chiesa, della nostra arcidiocesi. Ci sono uffici della Caritas in ogni diocesi. E aiuta tutti, cristiani e musulmani e tutti coloro che sono indifesi. Incontriamo anche gli imam della nostra regione, ad esempio in occasione della “Giornata della Fratellanza”. Alcuni sacerdoti ed io siamo andati dal sindaco della città e ne abbiamo approfittato per fargli un regalo: la traduzione turca dell’enciclica di papa Francesco Fratelli tutti. È stata tradotta in turco anche l’enciclica Laudato si’, che tratta di questioni ambientali che toccano l’intera umanità.

Esiste un dialogo ecumenico in Turchia?

I rapporti con le altre chiese cristiane sono generalmente buoni. Il Patriarca ecumenico di Costantinopoli, Sua Beatitudine Bartolomeo I, mantiene così buoni rapporti con il Movimento dei Focolari e il nuovo Vicario Apostolico di Istanbul, Mons. Massimiliano Palinuro. In casa, a Smirne, incontriamo anche le Chiese ortodosse, ma anche quelle anglicane, in occasione di varie feste cristiane. Di recente, sacerdoti armeni hanno celebrato una liturgia armena nella nostra chiesa cattolica di San Policarpo, perché non hanno una propria chiesa a Smirne. Abbiamo anche collaborato con gli armeni di Smirne per aprire una piccola libreria per la Società Biblica. Quindi ci sono buoni segnali di dialogo ecumenico.

La Turchia è un paese molto popolare per i vacanzieri. È importante che i cristiani che visitano la Turchia visitino anche le chiese cristiane?

Sì, è molto importante. Vorrei ricordare ai turisti che le origini della nostra fede sono qui. Qui è nata la prima Chiesa tra le nazioni. I primi concili ecumenici, che hanno segnato la fede cattolica, si sono svolti nel territorio dell’attuale Turchia. La missione per l’Europa è nata qui. Per sostenere le nostre attività pastorali, abbiamo un sacerdote tedesco che si prende cura dei cattolici di origine tedesca che vivono qui. Sarei felice se potessimo trovare un altro sacerdote per servire le altre comunità, almeno in estate durante la stagione turistica. Ma rappresenta anche uno sforzo finanziario. Forse il Consiglio Europeo delle Conferenze Episcopali potrebbe pensare a come aiutarci.

https://fr.aleteia.org/2022/05/23/turquie-une-eglise-aux-portes-ouvertes-dans-une-societe-islamique/

Giornata del Vicariato di Istanbul si celebra nella Chiesa Greco-Ortodossa Haghia Triada

Il Vicario Apostolico di Istanbul S.E. Monsignor Massimiliano Palinuro, ha fatto la sua prima visita ufficiale nella Chiesa Haghia Triada di Taksim con i sacerdoti che lo accompagnavano e i membri della comunità della Chiesa Cattolica Latina di Istanbul.

L’incontro si è svolto nell’ambito dei preparativi per il Sinodo sul tema della Sinodalità che Sua Santità Papa Francesco ha avviato il 10 ottobre 2021.

CAMMINO SYNODALE CON BARTHOLOMEOS PATRIARCHA ECUMENICO

Invito all’Incontro del Vicariato che si terrà il 3 aprile 2022, ore 16.00 presso la Chiesa di Beyoğlu – Aya Triada. Il tema dell’incontro è “Cammino sinodale con il Patriarca Ecumenico Bartolomeo”.

Le interlocuzioni saranno in turco, inglese, italiano e francese. I partecipanti devono raggiungere il punto di incontro da soli.